Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Ministro del lavoro, il Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n. 151, “Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico dei cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità”.

Le disposizioni contenute nel D. Lgs. n. 151/2015 possono essere suddivise in diversi gruppi, riguardanti la razionalizzazione e semplificazione:

  • dell’inserimento mirato delle persone con disabilità (tra i molteplici interventi si segnala la possibilità di assumere lavoratori disabili solamente se inseriti nelle apposite liste e non mediante assunzione diretta);
  • in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (a titolo esemplificativo, si ricorda la trasmissione all’INAIL del certificato di infortunio e di malattia professionale esclusivamente per via telematica);
  • in materia di costituzione e gestione del rapporto di lavoro (tra i molteplici interventi si evidenzia che, a decorrere dal 1° gennaio 2017, sarà redatto il Libro Unico del lavoro in modalità telematica);
  • per la revisione delle sanzioni in materia di lavoro e legislazione sociale (con la modifica, ad esempio, della cd. maxi-sanzione per il lavoro nero con l’introduzione degli importi sanzionatori “per fasce”).

In materia di rapporto di lavoro e pari opportunità si sottolinea altresì che il D. Lgs. n. 151/2015 ha previsto significative modifiche in materia di sistemi di controllo a distanza del lavoratore (ex art. 4, Legge 20 maggio 1970, n. 300), di ferie e di dimissioni, introducendo altresì l’istituto della cessione dei riposi e delle ferie.

Si fornisce il link al testo integrale del D.lgs. n. 151/2015:

http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto%20legislativo:2015-09-14;151